TEATRO REGIO

TEATRO REGIO

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Il Teatro Regio, considerato tra i melomani uno dei più rinomati teatri dell’opera lirica italiana, nasce per volontà della duchessa Maria Luigia d’Asburgo-Lorena, moglie di Napoleone, inviata a reggere il Ducato di Parma, Piacenza e Guastalla dopo il Congresso di Vienna.Iniziati i lavori nel 1821 su progetto dell’architetto di corte Nicola Bettoli, il Teatro inaugura il 16 maggio 1829 con Zaira, opera di Vincenzo Bellini su libretto di Felice Romani.

Costruito in stile neoclassico, con facciata caratterizzata da un colonnato di ordine ionico, dall’atrio si accede alla Sala del Foyer, scandita da due file di quattro colonne, sul pavimento del quale sono visibili le botole da cui veniva diffuso il riscaldamento. Una scalinata porta alla Sala del Ridotto, dov’era il palco reale di Maria Luigia, che poteva accedervi direttamente dalle stanze del Palazzo Ducale attraversando un percorso esclusivo. Superando il Foyer si accede alla platea ellittica, decorata da G. Magnani nel 1853, circondata da quattro ordini di palchi e dal loggione. La sala è sovrastata dal soffitto dipinto da Giovan Battista Borghesi nel quale, disposti in cerchio intorno all’ astrolampo, il grande lampadario in bronzo dorato forgiato dalle officine Lacarrière di Parigi. In alto, un orologio “a luce”, che segna l’ora di cinque in cinque minuti, è posto al centro dell’architrave del proscenio. Il sipario dipinto, uno dei pochi esempi giunti fino a noi, è anch’esso opera del Borghesi: una popolata allegoria della Sapienza, con Minerva assisa in trono circondata da dèi, ninfe, poeti e muse mostra, nelle sembianze della dea, il ritratto di Maria Luigia.

E’ possibile visitare il Teatro Regio di Parma con un accompagnatore che ne illustra le caratteristiche e ne ripercorre la storia. La visita dura circa 30 minuti e prevede l’ingresso alla Sala del Foyer, alla platea (salvo i casi di prove, audizioni o spettacoli) e alla Sala del Ridotto.

I laboratori di sartoria, la sala di scenografi a, la sala prove dell’orchestra, i camerini e il palcoscenico si svelano ad appassionati e curiosi che potranno accedere a luoghi normalmente non aperti al pubblico.
La visita al backstage del Teatro Regio di Parma è riservata, su prenotazione, a gruppi composti da un numero limitato di persone, per un minimo di due, e sarà effettuata da personale qualificato multilingue della Fondazione. La durata della visita è di circa 1 ora e 30 minuti. I gruppi sono invitati a prenotare a visitareilregio@teatroregioparma.it.

Ogni anno vi si svolgono la Stagione Lirica ed il Verdi Festival, ai quali prendono parte artisti di fama internazionale.

CONTATTACI

Strada Garibaldi, 16 43121 Parma

+39 0521 203993

biglietteria@teatroregioparma.it

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.